cookie COOKIE Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo.
Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Boschi e aree verdi sono un toccasana

«E ovunque questa nostra vita, via dalla folla, trova lingue negli alberi, libri nei ruscelli, prediche nelle pietre e ovunque il bene»

 

William Shakespeare descriveva così gli effetti positivi del contatto con la natura. In effetti basta passare un po’ di tempo immersi nel verde, passeggiando in un bosco o sull’erba soffice di un prato per ritrovare una sensazione di benessere. E quel che in fondo abbiamo sempre intuito, oggi trova conferma anche nella scienza: boschi e spazi verdi sono un vero toccasana.

Diversi studi hanno infatti documentato che l’immersione nella natura riduce i livelli di stress e tossine, facendoci ritrovare la serenità e le energie perdute. Gli effetti tuttavia non sono solo psicologici: già qualche anno fa una ricerca condotta in Olanda aveva mostrato che basta vivere nelle vicinanze di un’area verde, dove l’aria è più pulita, c’è meno rumore ed è più facile fare attività all’aperto, per ridurre i rischi di sviluppare malattie respiratorie e cardiovascolari, mal di testa e dolori muscolari, ansia e depressione.

Prove ancora più solide sono arrivate da un’analisi pubblicata sulla rivista The Lancet Planetary Health: dopo aver passato al setaccio tutti gli studi più recenti, i ricercatori hanno concluso che più verde c’è intorno a noi, più a lungo restiamo in salute. L’evidenza suggerisce che l’immersione nella natura regola la pressione e il battito cardiaco, abbassa il colesterolo e potenzia il sistema immunitario. Conoscenze ben note ai medici giapponesi, che da tempo prescrivono ai pazienti un “bagno nella foresta”: l’antica pratica dello shinrin-yoku (in inglese, forest bathing) insegna a trarre giovamento dal contatto con gli alberi, alle cui essenze odorose sono attribuiti effetti rilassanti e rinvigorenti.

 

 

Il Trentino è un luogo ideale per praticare il forest bathing, lasciando che la mente si rilassi e le emozioni si risveglino mentre ascoltiamo il fruscio del vento, respiriamo a pieni polmoni il profumo delle resine di larici e abeti o accarezziamo le loro cortecce. Qui non mancano certo gli alberi – in Trentino ce ne sono ben mille per ogni abitante! – e neppure i percorsi dedicati: per esempio, tra le faggete di Fai della Paganella si snodano quattro percorsi tematici pensati appositamente per immergersi negli aromi benefici della natura, mentre a Madonna di Campiglio è possibile regalarsi un’intera vacanza detox tra verdi radure e boschi secolari.

Nel bosco possiamo così ritrovare quella comunione con la natura di cui abbiamo bisogno per stare bene con noi stessi e con gli altri. Un bisogno reso oggi ancora più intenso dall’isolamento forzato a cui ci ha costretto l’epidemia di Covid-19. Il Servizio Forestale Islandese ha così proposto di supplire almeno in parte all’affetto perduto abbracciando un albero, in attesa di poter riabbracciare anche i nostri cari. Per gli effetti benefici che dispensa, il tree hugging è una pratica ormai diffusa in tutto il mondo e non mancano le occasioni per sperimentarla anche in Trentino: il centro termale di Rabbi, in Val di Sole, la propone ad esempio a chi soffre di asma, bronchite cronica, ipertensione arteriosa o insonnia. Un gesto semplice per stare meglio, ma anche un modo straordinario per rinnovare la nostra alleanza con le più maestose creature del bosco.