cookie COOKIE Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo.
Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Il patto col bosco di Giorgio Pozzi

OTTICA PRISMA di Giorgio Pozzi nasce nel 1988 a Mariano Comense (CO).

Il suo sguardo sul mondo la ha portata a creare servizi sempre più personalizzati e sempre più attenti a prodotti, fornitori e tecnologie poco invasive sull’ambiente. Anche lo smaltimento dei residui di lavorazione viene centrifugato prima di essere smaltito.

Ha deciso di sostenerci donando parte di ogni ricavo di prodotti e servizi a Trentino Tree Agreement.

Giorgio, cosa ti viene in mente se ti dico “ambiente”?

L’ambiente è un luogo composto da vari elementi che fanno parte di un comune ecosistema.

Cosa significa per te essere sostenibile?

Sostenibilità è poter attivare uno sviluppo senza compromettere l’ecosistema con scarti di rifiuti delle varie attività che pregiudicano il futuro delle generazioni a venire.

Perché hai deciso di sostenere Trentino Tree Agreement?

Abbiamo deciso di sostenere Trentino Tree Agreement perché il bosco è un bene comune e non solamente per chi ci abita. Prendersi cura del pianeta anche nel nostro piccolo è d’obbligo per le future generazioni.

Perché è importante promuovere pratiche di tutela ambientale?

Promuovere pratiche di tutela significa sensibilizzare le persone, specialmente i più giovani che devono prendere atto dei cambiamento del pianeta, creando una consapevolezza che porti positività anche nel più piccolo gesto quotidiano.

Il tuo patto col bosco è un patto di…?

Il nostro patto con il bosco è un patto che è nato con entusiasmo, che abbiamo trasmesso ai nostri clienti facendo capire l’importanza, attraverso un semplice acquisto, di poter contribuire a rimarginare una ferita del pianeta.

Come vedi il mondo tra 20 anni?

Tra 20 anni immagino il bosco già coperto da piccoli arbusti che con il loro colore verde coprano le cicatrici del terreno. La speranza è di riuscire a vedere la crescita, ma l’obbiettivo è di pensare giorno dopo giorno che la loro vita continua.