cookie COOKIE Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo.
Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Aree protette in Trentino: la tutela come priorità

Oltre l’immaginario collettivo, il Trentino è nel concreto una terra cerca di salvaguardarsi: il 30% del territorio rientra infatti sotto tutela. Son oltre 400 le aree dedicate alla conservazione e protezione naturalistica, e fra queste, oltre ai grandi parchi, ben 2 siti Patrimonio Unesco, ci sono riserve naturali più o meno piccole e aree protette che costituiscono i tasselli di presidio e custodia distribuiti sull’intero territorio provinciale: i polmoni di un ecosistema esteso.

 

 

Le riserve naturali provinciali, le riserve locali e le aree di protezione fluviale

Le riserve naturali provinciali, che in Trentino sono ben 75, sono aree dedite alla tutela di ambienti caratterizzati da un’elevata ricchezza biologica. Si tratta soprattutto di zone umide come stagni, paludi e torbiere, ma anche “zone aride” la cui salvaguardia concorre al mantenimento della variabilità genetica del patrimonio naturale. Sono 222 invece le riserve locali , ambienti di dimensione variabile, caratterizzati dalla presenza di specie animali e vegetali di particolare interesse.

In un territorio in cui l’acqua svolge un ruolo fondamentale nella definizione del paesaggio e ne costituisce un elemento cruciale, anche i fiumi godono di speciali misure di conservazione: le aree di protezione fluviale, individuate con l’obiettivo di proteggere le risorse idriche ed i relativi habitat, assicurando fasce di naturalità lungo le principali aste fluviali del territorio provinciale.

 

Le Zone Speciali di Conservazione e le Zone di Protezione Speciale

Distribuite sul territorio esistono altri tipi di aree protette, che fanno parte di una più ampia strategia di conservazione a scala europea: sono le Zone Speciali di Conservazione – 135 in Trentino- e le Zone di Protezione Speciale – attualmente 19 riconosciute. Le prime sono aree di estensione diversa, nate per proteggere una singola specie o un peculiare habitat, mentre le seconde identificano quelle zone utilizzate dall’avifauna stabile o in migrazione. Queste zone fanno parte di una complessa strategia di conservazione della biodiversità che prende il nome di Rete Natura 2000.

I Siti Natura 2000

L’Europa e in particolare quella centrale e occidentale, è una delle aree più densamente popolate del pianeta e nonostante questo è ancora dotata di una diversità elevata, sia in termini di specie, sia di habitat. Per conservare la biodiversità di un sistema così complesso, l’istituzione europea ha definito una strategia che coniuga le urgenze di conservazione con le necessità produttive, economiche e sociali delle attività umane. Conservare partecipando è una strategia in cui le attività umane diventano strumento di tutela ambientale e la biodiversità un interesse comune: a questo fine nasce il progetto Rete Natura 2000.

Le aree incluse dal progetto non sono riserve rigidamente protette da cui le attività umane sono escluse; la direttiva europea intende garantirne la protezione tenendo conto anche “delle esigenze economiche, sociali e culturali, nonché delle particolarità regionali e locali”, così fra queste sono inclusi molte aree ad agricoltura tradizionale, boschi gestiti e pascoli, risultato della lunga storia di interazione fra uomo e natura.

Le Reti delle Riserve

Per garantire una capillare gestione delle aree protette, la Provincia autonoma di Trento ha sviluppato un nuovo modello di gestione che – amplificando presupposti di partecipazione, condivisione e tutela locale, ha trasferito direttamente ai Comuni la gestione delle aree protette riconoscendoli soggetti più adatti a interpretare le necessità di conservazione della biodiversità, delle peculiarità produttive e di sviluppo economico. Sono nate così le Reti delle Riserve: strumento di gestione delle aree protette della Rete Natura 2000. Ogni rete di Riserve, costituita da aree omogenee, tutela i propri siti Natura 2000 integrando la salvaguardia con la promozione dello sviluppo sostenibile del territorio medesimo.

Scopri di più sulle aree protette del Trentino sul sito www.areeprotette.provincia.tn.it