cookie COOKIE Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo.
Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Animali selvatici: come e dove osservarli in natura

Cervi e caprioli, volpi e tassi, picchi e fagiani di monte: sono solo alcuni degli animali che abitano i boschi del Trentino. Incontrarli nel loro ambiente naturale può regalare grandi emozioni, ma gli avvistamenti non sono sempre facili: ecco dunque alcuni consigli per osservarli senza farsi notare.

 

 

1. Armati di pazienza e tranquillità

Nel bosco il silenzio la fa ancora da padrone. Impara a camminare senza fare rumore prestando attenzione a dove poggi i piedi per non far scricchiolare i rami e non far frusciare le foglie. Gli animali selvatici, infatti, percepiscono la nostra presenza in anticipo e preferiscono evitare un incontro ravvicinato.

2. Ricorda di non vestirti in maniera troppo sgargiante

Scegli colori tenui in modo da mimetizzarti e diventare un tutt’uno con l’ambiente che ti circonda, riducendo così le probabilità che i suoi abitanti ti notino.

3. Informati su quando sia più facile avvistare gli abitanti del bosco

In estate o in inverno? A bassa o ad alta quota? Gli scenari variano a seconda degli animali che vorresti vedere. E l’alba e il crepuscolo sono i momenti migliori per poter fare questi incontri; durante il giorno infatti gli escursionisti spingono gli animali a nascondersi. Alcune specie poi sono più facili da avvistare in certe stagioni piuttosto che in altre, come nel caso di cervi e caprioli che a primavera frequentano i prati di bassa quota appena rinverditi. Conoscere le abitudini dell’animale che vuoi osservare, ti sarà di grande aiuto!

4. Chiedi consiglio alle persone del posto

È importante sapere quali sono i luoghi in cui avere più probabilità di avvistare una lepre, una volpe o imbattersi in uccelli dai canti melodiosi. Le aree protette rappresentano zone privilegiate da questo punto di vista: nel Parco Nazionale dello Stelvio, ad esempio, anche grazie alla tutela di cui godono, molte specie sono facilmente visibili e fotografabili anche in pieno giorno!

5. Porta con te binocolo, cannocchiale o un’adeguata attrezzatura fotografica

Ti permetteranno di mantenerti a distanza ed evitare di disturbare la tua “preda”, soprattutto per osservazioni prolungate. Ricorda sempre che gli animali hanno bisogno di tranquillità. Si rifugiano all’interno del bosco e nelle aree meno frequentate dall’uomo proprio allo scopo di poter adempiere alle proprie funzioni vitali – nutrirsi, riposarsi, cercare riparo dagli agenti atmosferici, accoppiarsi, accudire alla prole – in contesti privi di stress. In inverno, per esempio, gli animali hanno l’esigenza di risparmiare energie in un momento dell’anno in cui il cibo scarseggia e il freddo li costringe a sforzi notevoli per la termoregolazione: come è facile comprendere, una fuga improvvisa causata dalla nostra presenza può dunque rivelarsi una minaccia per la loro stessa sopravvivenza.

6. Se sei in compagnia del tuo amico a quattro zampe ricorda di tenerlo al guinzaglio

Quando si passeggia nel bosco con un cane, è bene tenerlo sempre sotto controllo, in quanto potrebbe – con comportamenti improvvisi – impaurire e far scappare gli animali del bosco.

7. Se ti imbatti in un animale, allontanati con calma

È importante evitare di avvicinarsi, anche se pensi che stia male o sia in difficoltà. E non seguirne le tracce, dato che potresti costringerlo a fuggire dal luogo in cui si sta riposando.

8. Astieniti anche e soprattutto dalla tentazione di attirare i selvatici con del cibo

Ciò potrebbe finire col cambiarne le abitudini alimentari e soprattutto ridurre le distanze tra lui e noi, con conseguenze anche imprevedibili.

 

Ricorda infine che gli animali selvatici sono una fonte di emozioni, ma anche un patrimonio da salvaguardare e proteggere. Non rimanerci male quindi se durante la tua escursione non sei riuscito a scorgerne nessuno: usa questa esperienza per imparare dall’ambiente che ti circonda. A volte non è l’avvistamento, né tanto meno una bella fotografia la cosa più importante che portiamo a casa, bensì la sensazione di benessere e il coinvolgimento emotivo che solo una bella passeggiata nella natura può dare.