cookie COOKIE Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo.
Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati?
Clicca qui per accedere alla cookie policy

Bosco di Cadino

Nome:

la Foresta Nascosta

Luogo:

Cadino, Val di Fiemme – Trentino

Area indentificata per Trentino Tree Agreement:

Siori-Slavazi

Superficie dell’area identificata:

ca. 25 ettari

Situazione precedente allo schianto:

copertura forestale del 100% con circa 380 alberi/ettaro e un volume legnoso di 350 m³/ettaro

Situazione successiva allo schianto:

copertura forestale rimasta 10% circa

 

Questo bosco si estende nella catena del Lagorai, verso il Passo Manghen, a quote comprese fra i 950 e i 2000 metri d’altitudine. Rappresenta purtroppo una delle aree maggiormente colpite dagli eventi di fine ottobre 2018, che hanno distrutto il 90% circa degli alberi. Prima, era una giovane fustaia di circa 50 anni di età, costituita per lo più da abete rosso con la presenza di alcune latifoglie.

Curiosità

Lo sventurato accadimento di fine ottobre risulta ancor più amaro considerando che questa foresta fu già colpita dalla violenta alluvione del 1966, la quale, solo a Cadino, distrusse circa 100.000 m³ di bosco.

A seguito di ciò, più di 150.000 alberi vennero utilizzati per il rimboschimento della foresta; ecco perché si trattava di una foresta alquanto giovane.

Purtroppo la storia si è ripetuta, e oggi il 90% di quelle piante non esiste più.

Fasi operative

Entro estate 2019

inizio delle attività di sgombero della viabilità e del recupero degli alberi schiantati

Entro estate 2020

completamento delle attività di asporto del legname e inizio delle azioni di ripristino della foresta, con modalità diversificate anche in funzione di eventuali iniziative di sperimentazione e ricerca che potrebbero svilupparsi con Università e/o Enti di Ricerca

Entro autunno 2020

organizzazione delle prime escursioni guidate con le guardie forestali, attraverso il bosco, per avvicinare i fruitori alla testimonianza di distruzione e di ricostruzione di questo bosco.

 

Nota: gli stadi di avanzamento del progetto di reintegrazione procederanno in quest’area con maggiore cautela, poiché il numero di alberi schiantati è talmente elevato da rallentare, per motivi logistici